Emergency

ONG per davvero

11 agosto - Le ONG sono presenti nel nostro paese da decenni, hanno vinto premi Nobel e godono del supporto attivo di milioni di persone in Italia e nel mondo. Difendono i diritti dei cittadini, proteggono le persone vulnerabili, assistono le vittime di guerre e disastri, lottano contro la povertà e l'esclusione sociale. Sono un patrimonio della nostra società di cui essere fieri [...]

Curare chi ne ha bisogno e promuovere una cultura di pace: questa è EMERGENCY

12 luglio - Quando sono arrivata, nel 2000, EMERGENCY era una piccola associazione che già allora aveva progetti straordinari. Oggi, 17 anni dopo, nei nostri ospedali in giro per il mondo siamo arrivati a curare oltre 8 milioni di persone. In questi anni ho avuto il privilegio di poter lavorare per far crescere i nostri progetti per i feriti di guerra in Afghanistan, [...]

Sull'avvicendamento alla presidenza di EMERGENCY

Cecilia Strada e Rossella Miccio - In seguito alle speculazioni che abbiamo letto sulla stampa, ci teniamo a sottolineare che la decisione dell'avvicendamento alla carica di Presidente del Consiglio Direttivo di Emergency è stata maturata nell'ambito di una normale dinamica di confronto interno, teso a cercare sempre l'assetto più adatto [...]

Rossella Miccio è la nuova Presidente di Emergency

10 luglio - Rossella Miccio è la nuova Presidente di Emergency. Ha iniziato a lavorare nell'associazione nel 2000, occupandosi di Afghanistan. Nel 2007 è diventata co-direttore dei Programmi umanitari, curando in particolare i rapporti con le istituzioni internazionali, e si è occupata dello sviluppo di Emergency fuori dall'Italia [...]

MIGRANTI: EUROPA SI STA TIRANDO INDIETRO DAVANTI ALLA CRISI UMANITARIA

4 luglio - L'Unione Europea ancora una volta dimostra di non capire la crisi umanitaria di fronte alla quale si trova. Le proposte per gestire il flusso dei migranti in arrivo dal nord Africa vanno verso la militarizzazione del Mediterraneo e dei Paesi attraverso cui transitano i migranti.[...]

Chiudere i porti è un ostacolo alla salvezza di migliaia di persone

29 giugno - Chiudere i porti italiani alle navi delle ONG che fanno salvataggio in mare sarà un ulteriore ostacolo alla salvezza di migliaia di persone. Si continua a ignorare che a oggi le operazioni di salvataggio in mare sono l'unica misura reale per evitare la morte di uomini, donne e bambini che fuggono dai loro Paesi in cerca di protezione dalla guerra, dalla povertà e dalle persecuzioni. [...]

DI GUERRA E DI PACE: Il XVI Incontro Nazionale di EMERGENCY

19 giugno - Si parlerà soprattutto di guerra, di pace e di migrazioni alla sedicesima edizione dell'Incontro Nazionale di EMERGENCY a Catania. A fare da cornice ai numerosi eventi gratuiti diffusi in tutto il centro cittadino saranno alcuni dei luoghi più storici e rappresentativi di Catania: incontri, dibattiti, mostre e concerti per approfondire il lavoro di EMERGENCY e condividerne l'impegno contro la guerra. [...]

Autobomba a Kabul: 69 feriti ricoverati al Centro Chirurgico di Emergency

31 maggio - Questa mattina, alle 8:30, Kabul è stata colpita dall'ennesimo attentato: l'esplosione di un'autobomba, in un orario in cui le strade sono molto affollate, ha provocato decine di morti e centinaia di feriti nel distretto Wazir Akbar Khan, la zona delle ambasciate. L'ospedale dI Emergency, distante poche centinaia di metri, ha ricoverato 69 feriti, 8 sono arrivati morti. Il pronto soccorso è [...]

Lo Sportello di orientamento socio sanitario di Emergency

25 maggio - Seguiamo le notizie da Manchester con grande apprensione. Mentre aspettiamo gli aggiornamenti, pensiamo che sofferenza e paura siano uguali dappertutto, da Manchester a Mosul, da Aleppo a Kabul. Le vittime, soprattutto, sono uguali dappertutto: uomini, donne e bambini, famiglie. [...]

Dobbiamo interrompere questa spirale di violenza

23 maggio - Seguiamo le notizie da Manchester con grande apprensione. Mentre aspettiamo gli aggiornamenti, pensiamo che sofferenza e paura siano uguali dappertutto, da Manchester a Mosul, da Aleppo a Kabul. Le vittime, soprattutto, sono uguali dappertutto: uomini, donne e bambini, famiglie. [...]