Feeds

Border Collie: carattere, malattie e come educarlo. I consigli del veterinario

GreenMe -

Published in: Cani

Border Collie, le origini

Le origini del Border Collie sono da ricercare nelle regioni di confine (appunto “Border”) tra Scozia ed Inghilterra. Questa razza, selezionata per essere un perfetto cane da pastore vista la sua agilità, la sua attitudine al lavoro ma anche la grande intelligenza, proviene probabilmente dagli stessi ceppi da cui hanno avuto origine anche altri cani da pastore inglesi. La differenza sta ovviamente nel tipo di selezioni ed incroci.

Un’altra interpretazione delle sue origini ritiene questa razza discendente dai cani da renna Vichinghi giunti in Scozia e poi incrociati con cani da pastore locali.

Il Border Collie viene considerato uno dei migliori cane da pastore al mondo ma in realtà si presta bene anche ad essere un cane di famiglia. Spesso troviamo poi questa razza protagonista di film e serie tv.

Il Border Collie è stato inserito nell’elenco delle razze di cane da pastore  ufficialmente riconosciute solo nel 1976.

Border Collie, caratteristiche del cane

Il Border Collie è un cane di taglia media dall’aspetto elegante e ben proporzionato. Generalmente il manto è di colore bianco e nero e il pelo è fitto ma di lunghezza moderata. E’ dotato anche di sottopelo che gli assicura maggiore protezione e calore, non a caso l’origine di questo cane è da ricercare in paesi dal clima nordico.

Altre caratteristiche sono:

  • L’altezza media per i maschi è di circa 53 cm mentre per le femmine leggermente inferiore
  • Il peso oscilla tra i 14 e i 20 kg
  • Il cranio è largo e il muso tende ad assottigliarsi verso l'estremità
  • Il tartufo è nero e con le narici larghe
  • Gli occhi sono ovali e di colore marrone scuro
  • La coda è di lunghezza moderata
  • E’ molto agile e veloce oltre che dotato di grande resistenza per questo è perfetto come cane da pastore dato che può reggere anche a molte ore di lavoro

Il carattere del Border Collie

Una delle caratteristiche più evidenti del Border Collie è la sua grande intelligenza ma le doti di questo cane non finiscono qui:

  • Ama molto il suo padrone
  • E’ affettuoso e vuole sempre aiutare
  • E’ obbediente
  • Serio quando gli si affida un compito
  • Molto attento e vigile

Tutte queste doti ne fanno un perfetto cane da pastore ma anche un ottimo compagno per le famiglie. Il Border Collie ha infatti un carattere mite ma allo stesso tempo è un gran giocherellone molto affettuoso anche con i bambini.

Border Collie, come si cura

Il Border Collie è un cane che dovrebbe stare spesso all’aperto e avere la possibilità di muoversi, correre, giocare e rendersi utile. Non è adatto quindi molto alla vita di appartamento a meno che non si abbia sufficiente tempo a disposizione per portarlo a fare lunghe passeggiate nel corso della giornata.

  • Movimento: è un cane che non tende per niente alla sedentarietà e ha bisogno dunque di proprietari altrettanto “sportivi” che possano soddisfare le sue esigenze.
  • Alimentazione: per poter mantenere sempre il proprio elevato livello di energia il Border Collie ha bisogno di seguire un’alimentazione bilanciata considerando anche l’età del cane e le attività che compie nel corso della giornata. Rivolgetevi ad un veterinario di fiducia per sapere come prendervi cura al meglio dell’alimentazione del vostro cane.
  • Tolettatura: visto il pelo medio-lungo è molto importante spazzolare con frequenza il Border Collie per eliminare i peli morti ma anche per evitare che si trovi poi alle prese con forasacchi o pulci.
Malattie del Border Collie

Il Border Collie è un cane che generalmente gode di buona salute ma che in alcuni casi può soffrire di malattie ereditarie. Particolare attenzione bisogna fare a patologie come:

  • displasia dell’anca
  • displasia del gomito
  • osteocondrite dissecante (problema della cartilagine articolare)

Particolarmente soggetto anche a malattie oculari tra cui:

  • Atrofia Progressiva della Retina: che perdita progressiva della vista
  • Cataratta
  • Collie Eye Anomaly (CEA): sviluppo anomalo dell’occhio
  • Lussazione Primaria della Lente

Affidatevi ad un veterinario di fiducia per scongiurare le possibilità che il vostro cane si ammali.

Border Collie, come adottarne uno

Come sempre vi consigliamo di non acquistare i cani. E’ vero che il Border Collie fa parte dei cani di razza ma nonostante ciò non è impossibile riceverlo in adozione. Anche un Border Collie infatti può essere abbandonato o trovarsi improvvisamente senza un proprietario. Fortunatamente, per trovare una nuova casa ad animali di tutte le età e tipologie, esistono dei “Rescue center” generici o dedicati specificatamente ad una razza.

Vi segnaliamo ad esempio il gruppo Facebook “Border Collie Rescue Italia” dove è possibile adottare cani di questa razza o incroci.

Border Collie, il parere della veterinaria

Abbiamo chiesto a Anna Frisoni, veterinaria, qualche consiglio utile a prenderci cura al meglio di un Border Collie. Ecco cosa ci ha detto:

“La razza Border Collie nata dal confine tra Scozia e l'Inghilterra (da qui probabilmente la derivazione del nome "border") fin dalle sue origini ha trovato largo impiego come cane guida delle greggi, tutt'oggi alcuni esemplari eseguono questa attività lavorativa, per altri invece si tratta di competizioni sportive, dove si effettuano vere e proprie "gare di sheepdog". Il Border non è però impiegato solo come cane da pastore, il suo carattere dolce, mansueto, obbediente ma anche forte, determinato, attivo e fedele, lo rende un ottimo cane per famiglie e persone attive, con le quali è potenzialmente in grado di praticare diverse attività come: l'agility dog, l'obedience, la corsa, il disc dog, il fly ball, il nuoto, e persino la dog dance!”

A cosa fare attenzione nella cura di questo cane?

“Oltre ad eleganza, intelligenza e alla sua indole instancabile, questo cane di media taglia necessita di attenzioni non solo sociali ma anche di carattere motorio ed alcune cure a partire dal mantello che nei cambi di muta, dovrà essere attentamente spazzolato con frequenza (evitando si creino nodi soprattutto nel folto sottopelo dove è facile si intrappolino in particolare nella stagione estiva, piccoli corpi estranei vegetali come le spighe del grano). Nonostante sia un cane longevo e molto robusto, anche per il Border Collie si sono evidenziate nel tempo patologie legate a specifici apparati, che si possono riscontrare più o meno frequentemente in questa razza; fortunatamente per diverse di esse esistono test del DNA in grado di poter rilevare portatori, affetti o soggetti sani.
Come cane di media taglia è consigliabile effettuare indagini radiologiche con lo scopo di escludere displasie di anche e gomiti, queste lastre che verranno eseguite con l'animale sedato, sarà possibile effettuarle una volta che il cane avrà raggiunto la chiusura delle cartilagini articolari (età adulta) o in alternativa è possibile effettuare anche lastre più precoci nei casi in cui l'animale mostri errata andatura, o qualora abbia casi familiari di gravi gradi di displasie, o semplicemente se si desidera destinarlo alle attività sportive sopra descritte”.

Altre possibili patologie a cui maggiormente soggetto un Border Collie?

“Anche gli occhi riconoscono alcune patologie ricorrenti come la CPRA (atrofia centrale progressiva della retina), la CEA (anomalia dell'occhio del Collie, per cui esiste un test genetico), e la lussazione primaria del cristallino. Alla vista è legato anche un gene specifico del mantello definito "gene Merle" che conferisce una colorazione del mantello chiazzata molto caratteristica, questi soggetti in alcuni casi possiedono occhi di diverso colore tra loro e solitamente uno di questi è blu; se due soggetti merle si dovessero accoppiare, i cuccioli potrebbero avere un alto rischio di sviluppare problemi alla vista e all'udito. Un altro gene in questi cani che è importante sapere se verrà espresso o meno a causa di una mutazione..l'MDR1, il quale codifica una proteina deputata all'eliminazione di eventuali tossine a livello cerebrale, quindi se il gene risulta essere assente il soggetto potrebbe intossicarsi con maggiore facilità con certe sostanze, come l'Ivermectina, principio attivo utilizzato come antiparassitario (ad esempio per la prevenzione della filariosi cardiopolmonare). Fortunatamente anche per questo gene esiste un test. Non sono solo le razze Collies le uniche a presentare questa mutazione (e nemmeno tutte ne sono colpite), studi su altre razze hanno rivelato la medesima mutazione, semplicemente alcune delle razze Collies tendono ad avere una maggior percentuale di incidenza.
Altre patologie che possono affliggere i Border sono la CL (Lipofuscinosi Ceroide, malattia purtroppo incurabile e mortale, evidenziabile con test del DNA), la TNS (Trapped Neutrophil Sindrome, la quale colpisce il midollo causando il decesso dei cuccioli che ne sono affetti), e un'alta incidenza a sviluppare crisi convulsive”.

Border Collie, video

Ma come può essere la vita insieme ad un Border Collie? Potete farvi un’idea guardando i seguenti video che mostrano tra l'altro come questa razza si presti bene anche alle famiglie con bambini:



Vi ricordiamo che il cane non è un giocattolo ma un essere che necessita del massimo delle cure e attenzioni. Prendetene dunque in adozione uno solamente se avete sufficiente tempo da dedicargli.

Francesca Biagioli

Per appronfondire la conoscenza di altre razze di cani leggi anche:

Festa dei nonni: le più belle frasi da dedicare loro

GreenMe -

Published in: Eventi & Iniziative

È da qualche anno che in Italia si celebra la Festa dei nonni, la Festa degli angeli custodi, con tanto di Legge della Repubblica (legge 159 del 31 luglio 2005).

I nonni vanno al di là delle regole e delle abitudini, dimenticano con leggerezza il senso del dovere, il più delle volte sanno cosa significhi povertà e sacrificio e perciò tendono, oggi, a darti il mondo intero. Non smettiamo mai di chiedere loro una mano, li faremo sentire importanti, andiamo a trovarli spesso e facciamoci raccontare storie!

Facciamolo anche e soprattutto oggi, che è la loro festa. E per celebrarla come si deve, ecco qualche spunto “letterario” con cui accompagnare i nostri pensieri:

  1. "Il motivo per cui nipoti e nonni vanno così d’accordo è che hanno un nemico comune" - Sam Levenson
  2. "I giocattoli più semplici, quelli che anche il bambino più piccolo riesce ad usare, vengono chiamati nonni" - Sam Levenson
  3. "Una madre diventa davvero una nonna il giorno in cui smette di notare le cose terribili che fanno i propri figli fanno perché è troppo incantata da quelle meravigliose che fanno i nipoti" - Lois Wyse
  4. "Che affari i nipoti. Io do loro i miei spiccioli e loro in cambio un divertimento che vale una fortuna" - Gene Perret
  5. "Mai avere figli, solo nipoti" - Gore Vidal
  6. "Gli zii e i cugini sono una cosa buona. I genitori non sono da trascurare. Ma una nonna li vale tutti" - Fanny Fern
  7. "Nessuno può fare per i bambini piccoli ciò che fanno i nonni. I nonni cospargono la polvere di stelle sulla vita dei bambini" - Alex Haley
  8. "Quando tutti hanno detto di no, tu chiedilo ai nonni" - Anonimo
  9. "Il bambino non è ancora nato, eppure già si dice che il suo naso è come quello di suo nonno" - Proverbio indiano
  10. "Si è sempre in naturale antagonismo con i genitori e in simpatia con i propri nonni" - Gertrude Stein
  11. "Le nonne sono mamme con un sacco di caramelle" - Anonimo
  12. "Quando i nonni entrano dalla porta, la disciplina vola fuori dalla finestra" - Ogden Nash
  13. "La generazione più giovane è la freccia, la più vecchia è l’arco" - John Steinbeck
  14. "Una casa ha bisogno di una nonna all’interno" - Louisa May Alcott
  15. "Se Dio avesse voluto che seguissimo le ricette, non ci avrebbe dato le nonne"- Linda Henley
  16. "Se il tuo bambino è “bello e perfetto, non piange e non si agita mai, dorme nei tempi previsti e fa rutti a richiesta, è un angelo tutto il tempo,” allora sei una nonna" - Teresa Bloomingdale
  17. "Ai tempi di mia nonna non si buttava via niente. Nemmeno l’esperienza. Un bacio era una cosa rara nella vita di una persona e veniva custodito come un tesoro. Il dolore si conservava gelosamente per non dimenticarlo. E da quello si imparava. Adesso calze, dolori e baci, consumiamo tutto, rompiamo tutto, ci disfiamo di tutto" - Marcela Serrano

Germana Carillo

Rotolo alla nutella (homemade) e cocco

GreenMe -

Published in: Ricette

La preparazione del rotolo alla nutella è molto semplice, prevede una breve cottura ed un riposo di qualche ora in frigorifero; l'impasto della pasta biscuit è senza lattosio ma ben si presta all'aggiunta di aromi come scorsa di limone o cannella o anche eventuali liquori. In questa ricetta è arricchito con un pochino di rum e guarnito con del cocco essiccato in scaglie

Ingredienti
  • 4 uova di media grandezza
  • 100 gr di farina di tipo 1
  • 120 gr di zucchero di canna
  • 8 gr di lievito per dolci
  • 10 ml di rum
  • cannella in polvere q.b.
  • cocco essiccato in scaglie q.b.
  • nutella fatta in casa q.b.
googletag.cmd.push(function() { googletag.display('div-gpt-ad-1498149132762-1'); });
  • Tempo Preparazione:
    20 minuti
  • Tempo Cottura:
    15 minuti
  • Tempo Riposo:
    4 ore
  • Dosi:
    per 8 persone
  • Difficoltà:
    bassa
  Come preparare il rotolo alla nutella fatta in casa: procedimento 
  • Sgusciare le uova in una terrina, sbatterle con una frusta ed aggiungere lo zucchero,
  • dopo averlo incorporato alle uova unire anche la farina,
  • e a seguire aggiungere anche il rum e la cannella,
  • continuare a montare ed in fine incorporare anche il lievito.
  • Foderare la leccarda del forno con della carta forno e versare al suo interno l'impasto avendo cura di livellarlo con una spatola,
  • cuocere in forno caldo a 180° per quindici minuti,
  • nel frattempo mettere sul piano di lavoro un nuovo foglio di carta forno cosparso di zucchero aggiuntivo,
  • a cottura ultimata sfornare la pasta biscotto e facendo attenzione a non bruciarsi capovolgerla sul foglio cosparso di zucchero (in questo modo la pasta biscotto sarà sullo zucchero e in superfcie si vedrà il foglio di carta forno della cottura),
  • staccare delicatamente la carta forno dal dolce e tagliare via eventuali lati irregolari dandogli così una forma rettangolare ben precisa,
  • cospargere con la nutella fatta in casa e con il cocco,
  • quindi partendo dal lato più corto arrotolare su se stesso il dolce,
  • avvolgerlo ben stretto in un nuovo foglio di carta forno e farlo riposare in frigorifero per almeno quattro/cinque ore,
  • trascorse le quali affettarlo, farlo intiepidire un po' e servirlo.

 

Come conservare il rotolo alla nutella fatta in casa:

Il rotolo alla nutella potrà essere conservato in frigorifero per circa due giorni purché coperto con pellicola alimentare.

 

Ilaria Zizza

Blu Planet II, l'anteprima del documentario che racconta la natura, gli animali (e la plastica) negli oceani

GreenMe -

Published in: Arte e Cultura

Sir David Attenborough è un fiume in piena dal 1984, da quando il suo nome è accostato a quello della Bbc, adesso la nuova serie è dedicata alla vita degli animali degli oceani.

I sette episodi che compongono la serie sono il frutto di 125 viaggi realizzati in quattro anni narrati dalla voce di Sir David Attenborough con un accompagnamento musicale d'eccezione, quello di Hans Zimmer e i Radiohead.

Nei suoi documentari, l’autore parla delle meraviglie della natura, ma anche dei mali endemici della nostra società come l’inquinamento degli oceani a causa della plastica e dei cambiamenti climatici.

"La plastica è un problema gravissimo. Ho girato una scena in cui il piccolo di albatro sta per essere nutrito, e dal becco dell'adulto non escono fuori pesci o calamari, il loro alimento naturale, bensì plastica. Ti spezza il cuore", ha detto Attenborough a Greenpeace.

Ma non solo, alcuni filmati mostrano animali intrappolati da scarti di plastica in tutta la costa scozzese, sulla spiaggia bottiglie, sacchetti e imballaggi di ogni tipo. Tutte storie che anche noi documentiamo da tempo, raccontando di litorali trasformati in isola di plastica o ancora di tartarughe e pesci che muoiono con la plastica nello stomaco.

Dell'inquinamento dei nostri mari ve ne avevamo parlato qui:

Blu Planet II dovrebbe essere l’ennesimo campanello d’allarme per smuovere le coscienze di Istituzioni e cittadini, affinché si ponga rimedio ai rifiuti che soffocano il mare.

Foto: Pr Image

Ma il naturalista ha anche notato alcuni cambiamenti positivi.

"La mia speranza è che il mondo si stia rendendo conto di ciò che sta succedendo. Vedo persone molto più interessate ai cambiamenti climatici e ai problemi globali. Trent’anni fa, nessuno si preoccupava dell’inquinamento e chi lo faceva era una sorta di cattedrale nel deserto”, spiega.

Secondo Attenborough, quando si parla di cambiamenti climatici bisogna usare una prospettiva storica.

“Alcuni dei cambiamenti a cui assistiamo sono più produttivi, altri meno. Stavo giusto guardando una scena in cui orche e megattere vanno a caccia di aringhe al largo delle coste norvegesi. Vent'anni fa, le orche non nuotavano in quelle acque. Perché? Non saprei dare una risposta certa, ma denota un cambiamento. Parte del quale è dovuto senza dubbio al riscaldamento globale", continua.

La strada da percorrere?

"L'unica soluzione è stringere accordi globali. E per farlo, in linea di massima occorre lavorare con o attraverso i politici. In una società democratica spetta a noi fare il possibile per convincere i politici ad intervenire. È il motivo per cui Parigi ha rappresentato un'occasione tanto ottimistica e felice. A ripensarci adesso, in verità, siamo stati degli illusi. Eppure quell'incontro ci ha dato una marcia in più".

Dominella Trunfio

Fonte: Greenpeace

A Clinical Severity Scoring System for Visceral Leishmaniasis in Immunocompetent Patients in South Sudan

Medici Senza Frontiere - feed -

Title: A Clinical Severity Scoring System for Visceral Leishmaniasis in Immunocompetent Patients in South Sudan Authors: Kämink, SS; Collin, SM; Harrison, T; Gatluak, F; Mullahzada, AW; Ritmeijer, K Abstract: South Sudan is one of the most endemic countries for visceral leishmaniasis (VL), and is frequently affected by large epidemics. In resource-limited settings, clinicians require a simple clinical tool to identify VL patients who are at increased risk of dying, and who need specialised treatment with liposomal amphotericin B and other supportive care. The aim of this study was to develop and validate a clinical severity scoring system based on risk factors for death in VL patients in South Sudan.

Missed Opportunities for Earlier Diagnosis of rifampicin-resistant Tuberculosis despite access to Xpert(®) MTB/RIF

Medici Senza Frontiere - feed -

Title: Missed Opportunities for Earlier Diagnosis of rifampicin-resistant Tuberculosis despite access to Xpert(®) MTB/RIF Authors: Mohr, E; Daniels, J; Muller, O; Furin, J; Chabalala, B; Steele, S J; Cox, V; Dolby, T; Ferlazzo, G; Shroufi, A; Duran, L T; Cox, H Abstract: To assess the proportion of rifampicin-resistant tuberculosis (RR-TB) patients with potential earlier RR-TB diagnoses in Khayelitsha, South Africa.

Off-Label Use of Bedaquiline in Children and Adolescents with Multidrug-Resistant Tuberculosis

Medici Senza Frontiere - feed -

Title: Off-Label Use of Bedaquiline in Children and Adolescents with Multidrug-Resistant Tuberculosis Authors: Achar, J; Hewison, C; Cavalheiro, AP; Skrahina, A; Cajazeiro, J; Nargiza, P; Herboczek, K; Rajabov, A; Hughes, J; Ferlazzo, G; Seddon, JA; du Cros, P Abstract: We describe 27 children and adolescents <18 years of age who received bedaquiline during treatment for multidrug-resistant tuberculosis. We report good treatment responses and no cessation attributable to adverse effects. Bedaquiline could be considered for use with this age group for multidrug-resistant tuberculosis when treatment options are limited.

Mese di ottobre: semina raccolto e lavori nell'orto

GreenMe -

Published in: Orto & Giardino

Chi ha un orto casalingo, dovrà preparare il terreno nelle aiuole e nei vasi per accogliere le semine autunnali, raccogliere le erbe aromatiche da essiccare, pensare alla semina in semenzaio o in piena terra e trapiantare le piantine che necessitano di maggiore spazio. Il tutto senza dimenticare di controllare il calendario lunare, come l'antica tradizione contadina ci insegna.

Cosa seminare ad ottobre

Ad ottobre è possibile seminare sia in vaso sul proprio balcone che in pieno campo nelle regioni dal clima più mite, oppure in cassoni o aiuole protette:

  • - barbabietola,
  • - bieta, carote,
  • - cavolo verza,
  • - cime di rapa,
  • - fave, finocchi,
  • - indivia,
  • - lattuga, lattughino,
  • - piselli,
  • - prezzemolo,
  • - radicchio,
  • - ravanelli,
  • - rucola,
  • - scarola,
  • - spinaci,
  • - valerianella.
Consigli per la semina

Chi teme particolarmente il gelo o chi dispone solamente di un orto sul balcone può pensare di seminare in semenzaio rucola, valerianella, spinaci, lattuga e lattughino. I semenzai possono essere realizzati utilizzando contenitori di cui sia semplice forare il fondo, come i barattoli dello yogurt o le confezioni delle uova, che verranno riempite con del terriccio, in cui riporre pochi semi alla volta per poi selezionare eventualmente le piantine più resistenti prima del trapianto.

LEGGI anche: Autunno: lavori da fare nell'orto e nel giardino

Il raccolto del mese di ottobre

Ad ottobre è ancora tempo di raccolto. Si può raccogliere il basilico prima che le piantine si preparino ad andare incontro all'autunno inoltrato, verso la conclusione del proprio ciclo vegetativo. Si possono raccogliere, a seconda di quanto seminato nei mesi precedenti: rucola, lattuga, lattughino, spinaci, prezzemolo e rosmarino. I più fortunati potranno raccogliere gli ultimissimi pomodori e peperoni.

Per quanto riguarda la frutta, ad ottobre si raccolgono mele e pere. Nelle regioni più miti si potranno già raccogliere kiwi e limoni. Ottobre è anche il mese di conclusione della vendemmia, di inizio della raccolta delle olive e della raccolta delle castagne, delle nocciole delle mandorle e dei funghi (ricordando di sottoporli al controllo di una Asl per maggiore sicurezza).

LEGGI anche:10 bulbi da piantare in autunno

Varieta' da trapiantare ad ottobre

Nel mese di ottobre possono essere trapiantati sia l'aglio che le cipolle, oltre ai bieta a coste, cavolo cappuccio, cavolo broccolo, cavolfiori, cicoria, cime di rapa, lattughe, lattughini e finocchi, che potranno essere disposti in pieno campo o in un luogo più riparato a seconda delle regioni. Per quanto riguarda le erbe aromatiche, è il momento di mettere a dimora erba cipollina, menta, origano, alloro e borragine.

I lavori nell'orto secondo il calendario lunare

Luna crescente: si dovrà approfittare della luna crescente per effettuare le semine sia in semenzaio che in piena terra, con particolare riferimento a ravanelli, carote, cavoli, lattughe e lattughino, e per procedere al trapianto delle erbe aromatiche ed alla loro moltiplicazione. È preferibile raccogliere in luna crescente le erbe aromatiche da riporre ad essiccare: alloro, origano, prezzemolo, rosmarino, salvia e timo.

La luna sarà crescente dall'1 al 4 e dal 20 al 31 ottobre 2017.

Luna calante: è il momento ideale per rimuovere le erbacce e per estirpare tutte quelle piantine che giungeranno in ottobre alla fine del loro ciclo vegatativo, come il basilico. In luna calante è bene seminare cavolo verza, indivia, radicchio, fave, piselli, spinaci e valerianella. In luna calante si consiglia inoltre di iniziare a preparare i vasi e le aiuole, rinnovando il terreno con del compost, per le varietà che si semineranno in luca crescente. Si possono infine trapiantare in questi giorni salvia, timo, rosmarino e maggiorana.

La luna sarà calante dal 6 al 18 ottobre 2017.

Marta Albè

 

Frutta e Verdura di Stagione: la Spesa di Ottobre

GreenMe -

Published in: di stagione

E allora vediamo cosa possiamo mettere sulle nostre tavole, in questo mese di Ottobre, per prepararci ad affrontare con una giusta dieta alimentare il tanto temuto inverno.

VERDURA Funghi

Profumo di funghi nell’aria, pronti per la raccolta? Attenzione però a quelli velenosi! Ottimi in tutte le salse, soprattutto se soffritti nell’olio con uno spicco d’aglio, in questa stagione possiamo trovare diverse qualità di funghi dai chiodini ai piopparelli.

Ricchi di potassio, vitamina B e fibre questi meravigliosi frutti del bosco, sono adatti a chi ha bisogno di depurarsi e soprattutto a chi vuole mantenere la linea, perché poveri di calorie.

LEGGI anche: Funghi: proprieta' benefiche e caratteristiche

Zucca

Grande e polposa arriva finalmente la dolcissima zucca. Protagonista della terrificante notte di Hallowen, di questo splendido ortaggio che la natura ci offre non si butta proprio via niente, infatti è possibile mangiare anche i semi una volta salati e lasciati essiccare, oltretutto grosse fonti di Omega3 indispensabile per combattere il cattivo umore.

Ingrediente principale nella cucina di tante regioni italiane, la zucca è così versatile da poter essere consumata in qualunque momento del pasto, da un risotto ai dolcetti. È possibile infatti preparare, con questa, delle ottime ricette tradizionali ma anche alternative come ad esempio un saporitissimo spezzatino di soia con zucca.

Ricca di vitamina A e C, contiene anche sali minerali quali calcio e sodio, ha proprietà diuretiche, rinfrescanti e proprio per questo è un alimento essenziale per chi ha bisogno di una sana dieta disintossicante.

LEGGI anche: Zucca: proprieta' e benefici

Radicchio

Buono buonissimo, con il suo bel colore rosso, rallegra anche il più semplice piatto di pasta. Ottimo contro il diabete, il radicchio è depurativo e aiuta la digestione. Ma non solo, è una buona fonte di sali minerali e vitamine.

Come contorno, cotto alla griglia o per farcire delle calde crepes salate al forno, questo tipico ortaggio a foglia ci aiuta anche nelle infinite notti insonne in quanto ha proprietà sedative, ed infatti proprio per questa sua qualità sembra essere stato usato talmente spesso nell’antichità che addirittura Plinio il Vecchio ne parlava nella sua Naturalis Historia , lodandone le proprietà medicinali.

E ancora nel vostro cesto delle verdure per questo mese potreste mettere:

  • rabarbaro
  • patate novelle
  • barbabietole
  • carote
  • sedano
  • lattuga
  • zucchine
  • melanzane
  • fagiolini
  • ravanelli
  • peperoni
  • fagioli

FRUTTA

Melograno

Affascinante il melograno con la sua buccia dura e con al suo interno questi semi così rossi succosi e dolci al palato ma allo stesso tempo dal sapore leggermente acidulo, dal quale succo si può preparare però una buonissima bevanda dissetante.

Anche se può sembrare un peccato mangiarlo, per la sua eleganza infatti è spesso usato come ornamento in cucine o salotti, il melograno è anche molto generoso in quanto ricco di potassio di fosforo e vitamine A e C. Purtroppo poco usata nella cultura culinaria italiana se non come ingrediente per preparare dolci o marmellata, il melograno è invece molto utilizzato nelle cucine orientali.

LEGGI anche: Melograno: fate il pieno di antiossidanti naturali

Cachi o Kaki

Elio cantava“Italia si' Italia no..la terra dei cachi “, ma in realtà non è proprio così in quanto le maggiori coltivazioni (quasi il 90%) di cachi, si trovano per lo più in Giappone e in Cina, anche se ovviamente è facile trovare nelle colline nostrane delle belle piante gonfie di questi dolcissimi frutti.

Dalla polpa zuccherina, morbida e cremosa questo tipico frutto autunnale è un ottimo dessert, ed infatti proprio per il suo elevato contenuto di zuccheri è considerato molto calorico. Ottima fonte di vitamine A e C, una varietà dal gusto particolare è il cachi alla vaniglia anche detto cachi mela proprio per la consistenza soda e croccante della polpa.

Per tutto il mese di Ottobre possiamo ancora trovare:

  • pere
  • mele (fuji, Braeburn, Golden Delicious, Stayman, imperatore)
  • uva
  • lamponi
  • kiwi
  • prugne
  • fichi

Gloria Mastrantonio

Pagine

Abbonamento a Il portale della Fratellanza aggregatore