Argomenti

Il percorso della Fratellanza

Pensiero del giorno: Le piccole grandi prove quotidiane

Anche se avete finito per ammettere l’utilità delle prove, ciò non significa che dobbiate andare a cercarle. In ogni modo si incaricheranno loro di trovarvi, siatene certi, poiché sulla terra non si è mai visto nessuno che ne sia al riparo. E soprattutto non cercate di imitare quelle persone che cercano di compiere atti eroici nonostante i pericoli, ma che si mettono a strillare ai minimi inconvenienti della vita quotidiana, trovandoli indegni di loro: queste persone riescono solo a rendere insopportabile l'esistenza a chi sta loro intorno.
Non tutti sono fatti per un destino eroico. Invece, ciascuno deve modestamente sforzarsi di accettare e superare le difficoltà che gli si presentano ogni giorno. Questo è l’unico modo per evitare sofferenze ancora più grandi. Quando non si è lavorato per rafforzarsi interiormente, le minime prove diventano veramente insormontabili.

Omraam Mikhael Aivanhov

 

 

Contenuti: 

Pensiero del giorno: La gelosia è una piovra

La gelosia è una piovra che divora lentamente la sua vittima. Chi cade nella morsa dei suoi tentacoli non ha scampo se non attraverso un processo di purificazione.

La gelosia nasce dalla paura di perdere e perdersi. Ha come alleati il desiderio di possedere, da un lato, e la disistima di sé dall’altro. Le due componenti unite insieme, danno alla gelosia un effetto esplosivo altamente distruttivo per sé e per gli altri.

Come liberarsene?

La via della liberazione passa, come sempre, attraverso il riconoscimento dell’Anima e la sua intercessione. Chi ne va soggetto deve, innanzi tutto, sapere che è impossessato da una entità devica, ossia, un aggregato di sostanza eterica, che agisce in modo autonomo secondo una memoria emotiva distorta, imprigionando la coscienza della persona stessa in una reazione compulsiva automatica.

Il primo passo per liberarsene consiste nell’osservare il proprio bisogno di possedere cose e persone per sentirsi sicuri. Si procede poi nel distaccarsene recuperando la fiducia in se stessi man mano che la Luce dell’Anima penetra nei corpi della persona e trasmuta la sub-personalità della gelosia, ossia, il deva ribelle — come è definito dalla psicosintesi assagioliana — in un collaboratore mansueto. Fiducia che deriva dal sapere di essere un'Anima incarnata dotata delle giuste qualità per progredire; cosicché il deva, inondato dalla Luce animica, sia disposto a collaborare con gli altri invece che sentirsene minacciato. In questo modo gli altri non sono più visti come attentatori al patrimonio affettivo personale ma come Anime in cammino che cooperano per il bene comune. In definitiva, la gelosia è sconfitta quando la coscienza riprende possesso del proprio corpo emotivo e lo conduce a vedere l’altro come amico e fratello piuttosto che come rivale e nemico.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Come il caos diviene ordine

Il caos originale è l'espressione della forza primordiale della materia indifferenziata, cioè senza forma alcuna. Con il procedere del tempo, sospinte dalla legge di economia che sfrutta la direzione di minor resistenza, le unità atomiche di coscienza si scontrano senza tregua fino a trovare dei punti di aggancio attraverso i quali comunicare le proprie caratteristiche qualitative.

Si formano i primi agglomerati molecolari che rispondono alla legge di attrazione secondo le polarità vibratorie. Così si perpetra la interrelazione armonica, cioè l'esatto rapporto vibratorio tra entità che esprimono differenti capacità e caratteristiche, sino a formare un più complesso organismo superiore (atomo, molecola, cellula, organo, essere umano e così via) che esprime il prodotto di una coscienza più ampia e inclusiva delle singole unità.

In tal modo la creazione procede e dal "caòs" (disordine) iniziale si trasforma in "cosmòs" : l'ordine armonico dell'Universo, e la vita di vite entro vite, procede.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Lo spazio interiore

Se ognuno di noi curasse il proprio spazio interiore nutrendolo di gioia, amore e libertà il pianeta sarebbe un luogo meraviglioso e le nostre relazioni con gli altri sarebbero perfette. Tutte le problematiche che ci colpiscono non dipendono da fattori esterni per quanto faccia comodo crederlo. Esse sono il precipitato di interpretazioni erronee del Piano Divino che causano attrito tra Anima e personalità e si palesano entro il nostro spazio interiore spalancando la porta alle forze oscure della separatività.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Speranza, fede, amore

Spesso si sente dire che la speranza fa vivere. E infatti chi è insoddisfatto della propria sorte o deluso dagli avvenimenti tende a proiettarsi nel futuro: presto… fra qualche giorno… fra qualche mese… tutto andrà meglio. Indubbiamente l’ultima cosa che si abbandona è la speranza, ma aspettando la realizzazione di ciò in cui si spera, si ha bisogno di trovare qualcosa cui appoggiarsi per continuare a resistere. Per poter resistere occorre anzitutto avere la fede. Ora, la fede poggia sulla convinzione che l’universo è governato da leggi e, in particolare, la legge secondo la quale ogni semente finisce per dare frutto: se si sono seminati buoni semi, un giorno si raccoglieranno frutti magnifici. Tuttavia occorre anche alimentare la vita dentro di sé, ricevere uno slancio grazie all’amore; altrimenti la speranza rimane solo una fuga dalla realtà, e un giorno anch’essa ci abbandonerà.
Per non perdere mai la speranza è necessario alimentare in sé la fede e l’amore e, davanti a ogni difficoltà che si presenta, chiamarle in aiuto. Ed è questo che ci permette di conservare la speranza fino in fondo.

Omraam Mikhael Aivanhov

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Il risveglio di un popolo

In questi giorni di contestazione della lobby dei vaccini si sta sperimentando in Italia una presa di responsabilità civica mai vista negli ultimi tempi. Al di la di torti e ragioni; vaccini si e vaccini no, l’attenzione va posta sul risveglio delle coscienze. Un popolo di milioni di individui non accetta il potere imposto e vuole chiarezza sulle decisioni governative. Le tante manifestazioni nelle piazze ci raccontano che l’informazione ufficiale, pretenziosa e occultatrice, non può essere un dogma che condiziona passivamente l’individuo ma uno strumento dialettico le cui sfaccettature sono svelate alla discriminazione del singolo. 
Il tema della salute è senz’altro uno dei più importanti ed è anche sintomatico della capacità di partecipazione al Bene comune. Non è qui solo in ballo la salute dei cittadini ma la libera e consapevole scelta. Ora in Italia, nazione che ha lo scopo evolutivo di incidere i sentieri, si sta tracciando il solco per una visione più ampia dei diritti e dei doveri che non può passare per leggi e decreti ma attraverso un dialogo fra istituzioni e popolo che tenga conto dell’accresciuto senso di consapevolezza e responsabilità.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Ruggiti e sussurri

ovvero: il Piano Divino è sempre in manifestazione

Ci siamo mai chiesti che cosa si nasconde dietro agli accadimenti della vita per quanto possano sembrare drammatici, crudeli o nefasti?
Se crediamo che ci sia un disegno divino quegli accadimenti lo devono esprimere se pur in modo distorto e quanto mai degradato. In effetti è proprio così.
Il nostro ascolto è così rallentato che le nostre orecchie percepiscono solo suoni a frequenze basse che assomigliano a terrificanti ruggiti (gli accadimenti negativi), senza più riconoscerne il vero significato udibile solo se innalziamo l'ascolto alla velocità e frequenza originaria.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Praticare l'Innocuità

La pratica dell’Innocuità è il toccasana dei rapporti interpersonali. Qualità sussidiaria dell’Amore l’Innocuità consente la perfetta comunicazione tra due o più soggetti e la conseguente comprensione e accettazione dell’oggetto della comunicazione. Non concedendo spazio a fraintendimenti che potrebbero causare offese e rancori da entrambe le parti è, certamente, da sperimentare e conseguire.

Per addestrarci nella pratica dell’innocuità che, ovviamente, nasce già nell’intenzione della comunicazione e prosegue nella formulazione del pensiero, propagazione del sentimento e precipitazione dell’azione conseguente, dobbiamo prestare attenzione alla risposta reattiva del soggetto ricevente. Il fatto che il destinatario della comunicazione sia suscettibile, permaloso o addirittura mal disposto, non ci esime dal portare correzioni alla nostra modalità espressiva. Chi prende l’iniziativa del comunicare ha la responsabilità dell’effetto della comunicazione sul destinatario quale che sia la di lui risposta. Sarà compito del ricevente elaborare, se vorrà, la propria risposta reattiva ed indagare sulle cause che la innescano “limando” le asperità della persona. Il nostro compito è, tuttavia, quello di osservare tale effetto, e qualora non corrisponda alla nostra intenzione comunicativa, riformulare la comunicazione finché non sia così innocua da essere accettata senza riserve. La migliore intenzione è quella che scaturisce dall'Anima come dono d'Amore. Facciamo che sia quella intenzione a muoverci così da rendere animicamente innocuo il nostro comunicare.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Indice di libertà

Possiamo ricavare il livello evolutivo di una persona dal suo indice di libertà. Essere liberi non significa avere tanto tempo libero ma impiegare il tempo in quelle attività che maggiormente interessano. Se una persona impiega il tempo in ciò che vuole, allora ha un buon livello evolutivo. Se poi, svolge attività rivolte al bene comune, è certamente sulla via della realizzazione spirituale. Se, al contrario, svolge attività che non le piacciono e vorrebbe fare attività per le quali non trova il tempo, allora non è libera. È prigioniera di fattori esterni alla sua volontà.

Contenuti: 

Pagine

Abbonamento a RSS - Argomenti