Argomenti

Il percorso della Fratellanza

Pensiero del giorno: La percezione dell'inclusività

A volte siamo presi dalle problematiche della vita e ci sentiamo come imprigionati e costretti in una situazione debilitante e coercitiva. Questo è proprio il senso della separatività che ci isola e rinchiude. Come possiamo liberarci?
Aumentando la percezione dell’inclusività. Riconosciamo che la problematica riguarda tutta l’Umanità e che noi siamo solo uno dei tanti condensatori che la focalizzano per risolverla. Invertendo la funzione di condensatori e resistori in quella di diffusori radianti, trasmutiamo la polarità della coscienza da ricettiva (rivolta verso di noi) ad espansiva (rivolta verso la totalità), in modo che la forza entro il nostro corpo da centripeta diventi centrifuga, e l'attenzione posta nel riconoscere il significato e la causa della problematica sia rivolta a quella parte dell'Umanità che, come noi, ne è portatrice condizionata. Il cambiamento di polarità e la conseguente trasmutazione è possibile solo mediante la centratura nel cuore poichè il cuore è il centro radiante l'energia d'Amore che include e unifica. In questo modo la problematica viene svelata per quello che è: una opportunità di crescita per noi e per tutti.

Contenuti: 

Pensiero del giorno:La potenza del centro

La potenza sta nel centro non nel vertice. Questo è un concetto su cui riflettere attentamente.

La nostra civiltà occidentale, e le conseguenti società, si sono sviluppate sul concetto piramidale al cui vertice sta il capo. Egli esercita il potere di dirigere il popolo che costituisce nei vari gradi il corpo della piramide. Anche la forma di governo democratico non si discosta dal modello verticistico. Il cosiddetto popolo sovrano, che sovrano non è, elegge un ristretto gruppo di rappresentanti al cui vertice sta il capo del consiglio. Chi conquista il vertice decide il destino del popolo.

Il modello universale, al contrario, poggia sul concetto di centro radiante che va a delineare una circonferenza la cui evoluzione tridimensionale è la sfera. Il centro è inclusivo poiché attrae perennemente a sé tutti i punti che stanno alla periferia intrecciando una partecipazione totale alla vita. Ogni individuo che si pone al proprio centro interiore sta nel centro e contemporaneamente partecipa alla direzione evolutiva dell’intero organismo. Il proprio centro corrisponde al cuore poiché trovando la sintonia del cuore si è al centro di ogni sistema. Ecco perché la Saggezza antica contempla l’unione dei Cuori come realizzazione sprigionante la potenza creativa dell’Amore. L’Amore che muove in direzione radiante tutto il creato.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: "Guerriero Sacerdote Muratore"

Ognuno deve portare alla luce il Guerriero, il Sacerdote e il Muratore che albergano latenti entro il proprio essere.

Il Guerriero affronta le battaglie della vita e col coraggio le vince.
Il Sacerdote mantiene il contatto col Divino e sacralizza la vita in ogni atto quotidiano.
Il Muratore edifica il tempio del Signore affinché diventi la dimora degli Uomini.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Il senso dell'armonia

Non è sufficiente conoscere i metodi che permettono di diventare medium, mago, alchimista ecc. Occorre prima domandarsi a quale scopo si lavora, e sapere che ci sono delle leggi da rispettare. Sì, perché chi pratica i metodi dell'occultismo solo nel proprio interesse, infrange le leggi dell'armonia cosmica, e alla fine è il cosmo stesso che mette un veto, ed egli fallisce miseramente.
Molti occultisti o sedicenti spiritualisti hanno cercato di ottenere dei risultati senza preoccuparsi di sapere se agivano in armonia con i progetti dell'Intelligenza cosmica, e sono finiti malissimo. I testi di scienze occulte propongono un gran numero di metodi, di formule e rituali; ma, oltre al fatto che molti di essi comportano dei rischi, nessuno di quei metodi vale quanto quello che consiste nell'armonizzarsi con l'ordine cosmico. E ciò va anche molto più lontano: per chi non cerca quell'armonia e permette alle tendenze anarchiche in lui di prendere il sopravvento, anche le pratiche più inoffensive diventano pericolose e si ritorcono contro di lui.

Omraam Mikhael Aivanhov

 

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Quando non c'è l'Amore

Quando non c’è l’Amore, le qualità diventano difetti:

Chi ha il senso della responsabilità, ma manca d’Amore, diventa meschino.
Chi ha il senso del dovere, ma manca d’Amore, diventa duro.
Chi ha il senso della giustizia, ma manca d’Amore, diventa inflessibile.
Chi ha il senso della dignità, ma manca d’Amore, diventa critico.

Chi ha il senso dell’ordine, ma manca d’Amore, diventa maniacale.
Chi ha il senso dell’onore, ma manca d’Amore, diventa orgoglioso.
Chi ha il senso della franchezza, ma manca d’Amore, diventa crudele. 

Chi ha il senso della bellezza ma manca d'Amore diventa esteta.
Chi ha il senso della perfezione ma manca d'Amore diventa intransigente.
Chi è colto, ma manca d’Amore, diventa pretenzioso.
Chi ha il dono della parola, ma manca d’Amore, diventa pettegolo.
Chi coltiva il silenzio, ma manca d’Amore, diventa taciturno.
Chi è intelligente, ma manca d’Amore, diventa scaltro o manipolatore. 
Chi è gentile, ma manca d’Amore, diventa ipocrita.
Chi è competente, ma manca d’Amore, diventa puntiglioso. 
Chi è potente, ma manca d’Amore, diventa violento.
Chi è ricco, ma manca d’Amore, diventa avaro.
Chi ha fede, ma manca d’Amore, diventa fanatico.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Ribellione o liberazione?

Ogni processo di coscientizzazione produce una certa sofferenza della personalità che scopre di essersi illusa; ma produce, contemporaneamente, una gioia dell'Anima che sente di essersi liberata. Quando la personalità si ribella è perché non vuole sottoporsi alla disciplina dell'Anima. Quando l'Anima si libera non accetta più i condizionamenti della persona o dell'ambiente. Come distinguere la liberazione dalla ribellione?
Dal fatto che quando l'Anima è libera guida la persona e la rende attiva nel servizio. Gestisce il suo tempo nel manifestare bellezza, bene e verità. Risponde solerte all'aiuto di chi ne ha bisogno, non è preda dello sconforto o della fatica, mette entusiasmo in ogni attività, è fiduciosa della vita e condivide la propria gioia con gli altri.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: La Rete Eterica o il Tutt'Uno

Si parla spesso della Rete Eterica come dell'intreccio inestricabile di Vita, Coscienza e Apparenza, senza, tuttavia, comprenderne appieno il significato. È di immediata comprensione utilizzare una similitudine che è anche metafora del sentirsi separati pur essendo Uno.
Immaginiamo un grande oceano fatto di un gel viscoso (la rete eterica) in cui pratichiamo dei vortici muovendo in tondo un bastoncino. Ogni vortice formerà una specie di vuoto... un buco entro il gel, così da farlo sembrare una forma di formaggio groviera. I buchi sono, in realtà, unità di Coscienza che dal punto di vista dell'Anima Una fanno parte dell'"Unicum" (il gel sostanziale).
Se, però, infiliamo un bastoncino (corpo di apparenza) in ogni buco (vortice coscienziale), dal punto di vista della personalità vedremo soltanto bastoncini l'uno separato dall'altro, senza più cogliere il gel in cui sono conficcati; gel che in realtà è la vera sostanza vitale che nutre e unifica le unità di Coscienza. Da ciò si comprende come dipenda esclusivamente dal punto di vista di chi osserva, cogliere l'unità o vedere la separazione. L'apparenza, in definitiva, è uno stato illusorio che ci fa credere di essere separati gli uni dagli altri. Quando siamo connessi all'Anima abbiamo la corretta visione di quello che siamo: vortici di energia vibrante che "volteggiano", come danzatori sufi, nello stesso mare.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Sentimenti

I sentimenti danno forza magnetica ai pensieri e sono irradiati dal chakra del cuore come un'onda magnetica che si diffonde nell'ambiente. Senza il sentimento corrispondente un pensiero resta bloccato nella mente del pensatore ossessionandolo. Quindi ogni pensiero necessita del sentimento per veicolare e raggiungere altri cuori ed altre menti.

 

Contenuti: 

Pensiero del giorno: L'insegnamento della forma

Ogni forma ha in sé un insegnamento per trovare la via della liberazione. Riconosciuta la sua imperfezione la curiamo liberandone l'amore imprigionato che la rende imperfetta. Quando riconosciamo la sua imperfezione è perché sappiamo cogliere l'Archetipo di riferimento di cui la forma è un riflesso o una proiezione ancora incompiuta nel piano della manifestazione apparente. Riconoscendo l'Archetipo Divino possiamo trasmutare la forma in modo da renderla compiuta e rispondente ad esso. Ciò vale per tutte le forme mentali, emotive e fisiche; ossia, per tutti i pensieri, i sentimenti e le azioni che ancora non rispecchiano la perfezione del Piano Divino.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Sullo scettico

Davanti alle verità della Scienza spirituale, certe persone si accontentano di assumere un'aria diffidente e piena di sottintesi, dicendo: «Io dubito... Sono scettico», come se quello scetticismo fosse il frutto di decine di anni di riflessione approfondita. In realtà costoro mostrano quanto siano limitati mentalmente: non hanno studiato, non vogliono fare lo sforzo di studiare, e allora trovano comodo mantenersi nel dubbio. Ciò li esonera dal riflettere veramente e dà loro l'illusione di essere dei grandi pensatori.
Chi si dichiara scettico rivela semplicemente di non avere mai studiato nulla in profondità. Dato che non ha acquisito alcuna certezza, ciò significa che non si è mai spinto abbastanza lontano nelle sue ricerche. E significa anche che egli è orgoglioso e presuntuoso, poiché non attribuisce alcun valore a tutto il sapere che altri, molto prima di lui, si sono tanto sforzati di acquisire e di trasmetterci.

Omraam Mikhael Aivanhov

 

Contenuti: 

Pagine

Abbonamento a RSS - Argomenti