Argomenti

Il percorso della Fratellanza

Pensiero del giorno: La terza loggia

Nella Scienza esoterica vengono chiamate “loggia bianca” e “loggia nera” le due potenze che agiscono nell’universo. Si tratta rispettivamente delle potenze della luce e delle tenebre alle quali generalmente diamo l'appellativo di “bene” e “male”. Queste due logge, però, sono dominate da una terza loggia, della quale perfino gli Iniziati sanno poco, poiché si tratta di una realtà che supera l’intendimento umano. Questa terza loggia è il regno esclusivo di Dio, che è al di sopra del bene e del male e utilizza l’uno e l’altro.
Gli esseri umani non devono cercare di combattere la loggia nera, non sono armati per questa lotta. L'unica cosa che dobbiamo fare è legarci alla loggia bianca, alle potenze del bene, e seguire le loro istruzioni: esse ci daranno gli elementi che neutralizzeranno i veleni secreti dalla loggia nera. È così che riusciremo a far trionfare il bene conservando le nostre forze e la nostra pace.

Mikhael Omraam Aivanhov

 

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Non c'è coscienza senza sofferenza

Non c’è presa di coscienza senza sofferenza. In tutto il mondo la gente arriva ai limiti dell’assurdo per evitare di confrontarsi con la propria Anima. Non si raggiunge l’illuminazione immaginando figure di luce, ma portando alla luce della coscienza l’oscurità interiore. Chi guarda fuori sogna, chi guarda dentro si sveglia.


(Carl Gustav Jung)

Contenuti: 

Fratellanza Umana

La Fratellanza Umana è la scienza della "Relazione armonica" tra gli individui, i gruppi sociali, le razze e le nazioni, finalizzata alla realizzazione del Maggior Bene Comune.

Applicando le regole dell’armonia elaborate dallo studio della musica, possiamo ottenere risultati sorprendenti nei rapporti interpersonali o negli scambi economico-commerciali. Ogni persona, razza o nazione, ha una propria caratteristica che la contraddistingue; potremo definirla come la nota qualificante.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Fare come se

L'insegnamento della Saggezza antica indica il "fare come se" si fosse già ad un livello evolutivo ideale, come metodo pratico ed efficace per migliorare i propri veicoli nel processo di perfezionamento mediante la disciplina della persona. Il senso del "fare come se" non è tanto quello di scimmiottare un modello di perfezione che ancora non si è raggiunto, né tantomeno, comportarsi con supponenza credendo di essere ciò che ancora non si è; bensì è il metodo più sicuro e producente per proiettare e costruire una forma-pensiero rispondente al modello ideale. Via via che si procede, "come se", si fosse già raggiunto quel modello, il comportamento dell'aspirante sul sentiero della prova diventa sempre più preciso, corretto e rispondente, fino a divenire stabile nella sua perfezione. Perseguiamo, dunque, il "fare come se" con umiltà, perseveranza e fiducia, poiché diventeremo quel modello d'Amore che saprà conquistare il cuore di tutti manifestando la Bellezza del Piano Divino.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Dare corpo alla Bellezza

Per dar corpo a una idea occorre riconoscere quale proposito vuole manifestare attraverso la forma e quale significato dà alla Vita Una. Ma per creare non ci si può distrarre con le forme; bisogna concentrarsi sul modello di perfezione ideale e perseguirlo insieme in Bellezza. La creatività di gruppo è l’unica a realizzare quell’ideale levigando le singole pietre in una relazione armonica. In fin dei conti, ogni specie progredisce seminando il meglio.

C’è chi si concentra sull’oggetto e crea consuetudini e chi si concentra sul contenuto e crea innovazione, ossia, nuove forme di vita.

 

Tratto liberamente da una intervista a Steve Jobs

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Le relazioni armoniose

Le relazioni con chi vi circonda: ecco il problema più importante che tutti i giorni dovete risolvere. Allora lavorate su voi stessi al fine di sviluppare le qualità psichiche e morali che vi permetteranno di meglio comprendere e accettare gli altri. Perché è questo l’essenziale: imparare a vivere con tutti gli altri, e non solo con la propria famiglia, con gli amici, i vicini, i propri cari, i colleghi di lavoro ecc. Si deve anche essere in grado di entrare in relazione con ogni genere di persone diverse da noi per età, formazione, ambiente sociale, nazionalità, razza, allo scopo di familiarizzare velocemente con tutte le situazioni umane.
Voi non conoscete in anticipo gli incontri che l’esistenza vi prepara. Allora, se non siete pronti, il giorno in cui sarete costretti ad affrontare nuove situazioni, vi mostrerete chiusi, poco comprensivi, intolleranti, e a volte, senza volerlo, perfino cattivi. Il criterio dell’evoluzione degli esseri risiede nella loro capacità di incontrare gli altri e di entrare armoniosamente in relazione con essi.

Omraam Mikhael Aivanhov

 

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Educare la mente

Educare la mente a cogliere il buono e il bello che c'è in ogni accadimento. In ciò consiste la trasmutazione della forma per farla risuonare con il Piano Divino.

Quando un evento appare negativo bisogna saper vedere con gli occhi dell’Anima per riconoscere in esso il Proposito Divino manifesto, nonostante l’apparenza mostri il contrario. La mente deve imprimere quella immagine colta con lo sguardo rinnovato del Cuore e proiettarla avanti a sé in modo da sostituire l’immagine degradata ed innalzare la vibrazione energetica dell’ambiente.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Sophia e Columbia

Sophia e Columbia sono due figure femminili di grande fascino non solo filosofico-intellettuale ma anche religioso e gnostico. Partiamo dalla Sophia per meglio comprendere. La Sophia è, nella tradizione gnostica il femminile di Dio o Dio madre così come il Cristos è l’emanazione maschile o il Padre. Sophia è lo Spirito Santo dei Padri della Chiesa che discende sugli uomini probi illuminandoli. Lo Spirito Santo è materia santificata, ossia, fecondata dal seme dello Spirito; in altri termini lo Spirito Santo, o Sophia, è la materia del Pensiero Divino o della Sapienza di Dio.

 

La Columbia è dea della libertà ma di una libertà particolare, quella del pensiero che è raffigurato dalla fiaccola fiammeggiante che irradia la sua luce. Simbolo, dunque, della mente dell’uomo che illuminata, proietta la conoscenza plasmando forme. Si comprende ora che la Columbia, simbolo del pensiero libero illuminista, è complementare alla Sophia, simbolo della Sapienza e Ispirazione Divina. Spetta agli esseri umani fondere la Luce sapiente della Sophia che discende dalla Mente di Dio con quella ardente della Columbia che si eleva dalle menti degli Uomini, affinché dall'unione di ispirazione e intelletto nasca la Saggezza, e illumini d’Amore le forme che il genere umano si appresta a costruire per portare il Cielo in Terra.

Contenuti: 

Pagine

Abbonamento a RSS - Argomenti