Argomenti

Il percorso della Fratellanza

Pensiero del giorno: Nemici - amici

È gradevole e utile avere buoni amici, ma occorre riconoscere che anche i nemici hanno la loro utilità. Se studiate bene la questione, capirete anche che, in alcuni casi, quei nemici sono i vostri veri amici. Essendo spietati, non vi risparmiano nulla, sottolineano tutto ciò che non va in voi. Direte: «Si, ma spesso esagerano!». È vero, ma non fa niente; essi sono come microscopi, e spesso i microscopi sono indispensabili: gli scienziati se ne servono tutti i giorni, poiché permettono di vedere dettagli che altrimenti passerebbero inosservati.
Dunque, se desiderate veramente perfezionarvi, anziché lamentarvi dei vostri nemici, dovete ammetterne l'utilità. Sono loro che vi obbligano a lavorare, a correggervi e a trovare soluzioni ai problemi che vi creano. Così, grazie a loro, diventate più saggi e vi rafforzate.

Mikhael Pmraam Aivanhov

 

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Stelle e libero arbitrio

Le stelle, i pianeti e le relazioni cosmiche tra loro, hanno dato vita alla scienza che gli antichi hanno da sempre considerato la primaria fonte di interpretazione della realtà manifesta per quanto riguarda il destino degli uomini e del pianeta: l’Astrologia. Essa è la scienza delle possibilità analogiche della verità che, attraversando i piani dell’esistenza prende forma in differenti sfaccettature. Così le indicazioni tratte dalle stelle guidano il cammino e propongono campi di esperienza che individualmente possiamo esplorare.

Eppure, le stelle e i pianeti in intimo rapporto non vogliono costringerci entro imperativi dogmatici; bensì indicarci una direzione verso la quale focalizzare la nostra attenzione. Siamo, nonostante tutto, sulla via della liberazione dalle costrizioni della forma mediante la sperimentazione entro la forma stessa. Non ci sembri un controsenso; semmai un paradosso esistenziale che ci dà il diritto di esercitare lo strumento di scelta che abbiamo conquistato in eoni di evoluzione: il libero arbitrio. Possiamo, dunque, scegliere anche di fare il contrario di quanto indicato dagli astri o di seguire il loro invito senza chiederci come e perché. Tuttavia, sfidare il loro responso o, magari, interpretarlo secondo l’intuito del momento, ci consente di divenire liberamente creativi e, anche attraverso l’errore, esplorare le infinite vie che conducono all’unica meta.
Io sono, io posso, io voglio”, recita un antico mantra iniziatico ad affermare che a noi esseri umani è dato il compito di Osare, e così essere liberi di cavalcare o addirittura scavalcare il verdetto dell’oracolo celeste. A noi l'arduo compito di sfatare anche le stelle per compiere il nostro unico e irripetibile destino.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Le tre coscienze dell'uomo

L’essere umano è un aggregato di tre coscienze distinte che non sempre agiscono in comune accordo, tanto da produrre attriti e conflitti nei propri corpi mentale, emotivo e fisico. A seconda della coscienza che prevale in un determinato momento dipendono le scelte comportamentali di un individuo. La coscienza più antica è quella animale, retaggio dell’evoluzione che in essa ha fuso la coscienza minerale e vegetale. Tale coscienza agisce a livello degli istinti operando per mantenere le funzioni di sopravvivenza o affermazione della specie, procreazione o mantenimento della specie e aggregazione o interscambio della specie. Segue, poi, la coscienza personale che funziona mediante il desiderio e, nell’uomo più evoluto, attraverso l’intelletto. È la coscienza che provvede a tutte quelle scelte personali che riguardano le attività del vivere al di sopra della sfera degli istinti e che fa competere il proprio io nei confronti degli altri. La terza coscienza che, a dir il vero, è ancora parzialmente attivata nell’essere umano, è quella animica o super-cosciente che collega l’uomo ai mondi superiori e gli dà accesso alla Verità mediante l’intuizione.
Abbiamo, così, tre coscienze, ognuna delle quali si esprime con una facoltà univoca: istinto, intelletto, intuizione. Da ciò dipendono le nostre scelte nel bene e nel male. Facciamo il male, ossia, agiamo in modo separativo, quando prevalgono la coscienza animale e quella personale. Nel primo caso è un agire contro gli altri per proteggere le funzioni vitali istintive; nel secondo, agisce il desiderio di prevalere sugli altri per diventare più potenti. È, quindi, un male perpetrato con l’intelletto che ordisce strategie e tattiche di predominio. 

Per fare il bene non ci rimane, dunque, che attivare la coscienza dell’Anima e affidarci all’intuito attraverso il sentire del Cuore. Solo il Cuore connette la mente all’Anima e ci spinge a cooperare con gli altri per il Bene maggiore. Solo il Cuore fa prevalere il senso di unione che acqueta gli istinti, allinea l’intelletto e, tramite l’intuizione, produce la Giusta Azione.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Il sistema economico-finanziario non funziona

Il sistema economico finanziario mondiale basato sul capitalismo, il neo liberismo e la globalizzazione, non funziona!
Ce lo dimostra il fatto che i ricchi che sono l’1% della popolazione planetaria possiedono l’82% della ricchezza del pianeta (rapporto Oxfam del 2017), mentre il 99% della popolazione mondiale spartisce solo il 17% di quella ricchezza!

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Comunismo e capitalismo

Il comunismo e il capitalismo non sono solo ideologie politiche, ma due tendenze che esistono da sempre nell'essere umano, e sono entrambi indispensabili, poiché complementari: occorre essere capitalisti per meglio diventare comunisti. Ed ecco come.
L'essere umano possiede un grande capitale – la vita – ed è proprietario di quei “mezzi di produzione” che sono i suoi occhi, le orecchie, il cervello, i polmoni, il cuore, le braccia, le gambe... Egli li esercita, li sostenta, li perfeziona e li tiene per sé: è “capitalista”. Ma quando il suo capitale comincia a produrre, egli può organizzare tale produzione in modo da farne beneficiare anche gli altri; vivifica, illumina, riscalda: diventa “comunista”! Ciò significa dunque che non si può essere comunisti se prima non si sa essere capitalisti per far fruttare il proprio capitale. E nemmeno si può essere un buon capitalista se non si fanno circolare le proprie ricchezze, poiché in tal caso tutto ciò che si possiede ristagna e marcisce. Comunismo e capitalismo vanno insieme: entrambi sono assolutamente necessari per il corretto sviluppo dell'individuo e il buon andamento del mondo.

Mikhael Omraam Aivanhov

 

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Essere creativi

Siamo realmente creativi quando cambiamo totalmente il significato delle cose!
Gli artisti lo fanno continuamente proponendo opere che travalicano l'utilizzo di consuetudine quotidiana ed assumono un valore "altro"; a volte... universale. Per fare un esempio anche un po' provocatorio, ricordiamo l'opera dell'artista Piero Manzoni, intitolata: "Merda d'artista", realizzata mettendo le sue feci in un barattolo di latta!
Il significato dell'opera va oltre il mero atto fisiologico e induce il fruitore a considerare il ciclo della vita attraverso il ciclo digestivo che sintetizza, da un lato, la caducità dell'esistenza umana; e dall'altro la capacità di trasformare le cose. La merda assume così il significato simbolico della creatività umana che, come Dio, dal "fango" crea l'uomo. La psicologia moderna considera l'atto della evacuazione come il primo atto creativo prodotto dal bimbo che diventa, così, cosciente della sua capacità creativa. Il rifiuto organico riciclato in opera d'arte è metafora della situazione umana. Risorgere dalle ceneri come la Fenice che, rigenerata da se stessa, spicca di nuovo il volo.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Dare forza allo spirito

Dovendo subire le limitazioni della materia, il nostro spirito non può ancora manifestarsi in pienezza. In alto, nella sfera che gli è propria, lo spirito ha poteri illimitati, è onnipotente; è la materia in noi e intorno a noi a imporgli dei limiti. Tuttavia, grazie alla continuità dei nostri sforzi quotidiani, a poco a poco lo spirito si apre un varco, e alla fine riesce a trionfare sugli ostacoli e a trasformare tutto.
Si dice che lo spirito possieda poteri “soprannaturali”. No, in realtà non c'è nulla di soprannaturale. I cosiddetti “miracoli” o “prodigi”, tutti quegli avvenimenti che in apparenza contraddicono le leggi della natura, non sono soprannaturali e neppure innaturali, ma obbediscono semplicemente ad altre leggi, anch'esse del tutto naturali: le leggi dello spirito. Fate degli sforzi per purificare la materia del vostro corpo fisico e dei vostri corpi psichici, e sentirete realizzarsi anche in voi i “miracoli” dello spirito.

Mikhael Omraam Aivanhov

 

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Differenza costruttiva delle forme-pensiero

L’aspirante sul sentiero di perfezionamento impara a costruire forme-pensiero, durante la meditazione, che siano attuative delle intuizioni ricevute. Tuttavia, costruire pensieri e concetti da attuare in concreto ha un significato diverso per ognuna delle sette personalità.  Tali personalità si distinguono in tipi psicologici secondo la qualità del raggio che le governa. Si hanno così: il tipo Volitivo-decisivo di 1° raggio; il Costruttore-educatore di 2°; il Mentale-attivo di 3°; il Mediatore-creativo di 4°; lo Scientifico-analitico di 5°; l’Idealista-devoto di 6° e l’Organizzativo-metodico di 7°. 

La personalità decisiva di 1° raggio costruisce, in questo modo, forme-pensiero che hanno la tendenza a indirizzare comandi; quella educatrice di 2° tende a riunire affinità; quella attiva di 3° a distinguere possibilità; quella creativa di 4° tende a mediare armonie; così l'analitica di 5° costruisce prassi; quella devota di 6° persegue ideali e, infine, la personalità metodica di 7° raggio tende ad osservare leggi. Da ciò si arguisce come ogni personalità sia conforme alla propria qualificazione di raggio e, mediante questa, possa pervenire all’integrazione dei corpi mentale, emotivo e fisico, in risonanza con la qualità dell’Anima.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Il Suono e la Focalizzazione mentale

Il Suono crea un ambiente idoneo alla focalizzazione mentale; esso è come il ventre entro cui sta in gestazione il nascituro, ossia, è la matrice che sostenta il “Verbo”, l’dea-seme dello Spirito, affinché diventi "carne".

La vibrazione sonora della parola dà forza, con tono, timbro e volume, al pensiero entro la mente del discepolo che, consapevolmente, mantiene proiettata l’immagine mentale mediante la focalizzazione nel Terzo occhio. La forza del sentimento, attraverso la voce, culla la forma-pensiero e la alimenta fino a farla divenire matura per la nascita nel mondo delle relazioni umane. Così il discepolo adempie al compito di costruire le nuove forme di fratellanza per la Nuova Era di Aquarius che ha aperto i battenti.

Contenuti: 

Pagine

Abbonamento a RSS - Argomenti