Le funzioni del Gruppo nell'Ashram di Sintesi

Contributo del Gruppo: Fraternity Rami di Luce

Le funzioni delle Unità di Coscienza all’interno dei gruppi appartenenti all’Ashram di Sintesi risuonano necessariamente con gli aspetti delle Energie Divine adombranti.

Si possono evidenziare  l’energia della Volontà divina o fuoco Elettrico di Sintesi che adombra il Maestro M. ed il suo Ashram di 1° raggio, l’energia dell’Amore e Saggezza o fuoco Solare magnetico che adombra il Maestro D. K. ed il suo Ashram di 2° raggio, e quella del terzo fuoco o per Attrito che rende attiva la materia e, a ben riflettere, ispira la Civiltà e, dunque, adombra il Maestro R. Mahachoan e supervisore del 3° e 7° Ashram. Questi tre Fuochi sono precipitati in manifestazione dal 7° raggio della Magia cerimoniale che svolge la funzione di ordinare le energie in materia risonante e responsiva. Va da sé che anche gli altri raggi dal 5° al 6°, passando per il 4°, contribuiscono all’opera di Sintesi esercitando la loro funzione e, dunque, si può dire che la Sintesi è realizzata dall’opera paziente e perseverante dei Sette Raggi uniti in un’unica fiamma o Luce Superna.

Tale Luce rifranta attraverso il prisma del Servizio irradia le sette qualità che fanno vibrare in tono maggiore o minore ciascuna Unità di Coscienza che risponde, quindi, ad una nota univoca nell’accordo d’insieme. Ogni nota emana una funzione da svolgere soggettivamente nell’unità di Gruppo per cui si andranno a formare nell’Intergruppo Sottogruppi di Unità di Coscienza (individui) appartenenti a differenti Gruppi; sicché la diversità di forma ed espressione di ciascun Gruppo troverà Sintesi nell’intreccio del lavoro comune. 

Le note o funzioni scaturite dalla Luce Superna sono quelle che vanno a qualificare ed evidenziare sette attività principali e le conseguenti sotto-attività. In ordine di raggio: la Politica o funzione direttiva, l’Educazione o funzione inclusiva, l’Economia o funzione distributiva, l’Arte e Mediazione o funzione armonizzante, la Scienza o funzione rivelatrice, la Comunione o funzione magnetica dell’Ideale e l’Organizzazione ordinata o funzione del Rituale magico. Ogni componente sarà libero di aderire o meno a ciascuna delle note in base al suo sentire; ciò non di meno, sarà comunque parte integrante e necessaria alla manifestazione del Tutto.

Un’ultima considerazione sul concetto di Sintesi, secondo l’insegnamento del M. Tibetano e del M. R., mette in chiaro che la fusione dei tre Fuochi di aspetto del Divino genera la “PACE”, sublime compimento del Piano e di tutte le attività conseguenti ad ogni livello. Questa affermazione è di particolare conforto e dà il senso al nostro comune lavoro, poiché sancisce la tensione di tutte le Coscienze all’Universale conseguimento della Fratellanza.

Comunità: