Pensiero del giorno: Praticare l'Innocuità

La pratica dell’Innocuità è il toccasana dei rapporti interpersonali. Qualità sussidiaria dell’Amore l’Innocuità consente la perfetta comunicazione tra due o più soggetti e la conseguente comprensione e accettazione dell’oggetto della comunicazione. Non concedendo spazio a fraintendimenti che potrebbero causare offese e rancori da entrambe le parti è, certamente, da sperimentare e conseguire.

Per addestrarci nella pratica dell’innocuità che, ovviamente, nasce già nell’intenzione della comunicazione e prosegue nella formulazione del pensiero, propagazione del sentimento e precipitazione dell’azione conseguente, dobbiamo prestare attenzione alla risposta reattiva del soggetto ricevente. Il fatto che il destinatario della comunicazione sia suscettibile, permaloso o addirittura mal disposto, non ci esime dal portare correzioni alla nostra modalità espressiva. Chi prende l’iniziativa del comunicare ha la responsabilità dell’effetto della comunicazione sul destinatario quale che sia la di lui risposta. Sarà compito del ricevente elaborare, se vorrà, la propria risposta reattiva ed indagare sulle cause che la innescano “limando” le asperità della persona. Il nostro compito è, tuttavia, quello di osservare tale effetto, e qualora non corrisponda alla nostra intenzione comunicativa, riformulare la comunicazione finché non sia così innocua da essere accettata senza riserve. La migliore intenzione è quella che scaturisce dall'Anima come dono d'Amore. Facciamo che sia quella intenzione a muoverci così da rendere animicamente innocuo il nostro comunicare.

 

Contenuti: