Pensiero del giorno: Il fattore "K"

Prima di incarnarsi l'Anima formula un progetto di crescita che, attraverso le esperienze che andrà ad acquisire, costituisce la linea retta del destino o "rotta" da seguire per arrivare alla meta di perfezionamento stabilita. Quando si incarna nella persona cerca di dirigerla in quella direzione mentre la persona, attuando il "libero arbitrio" fa di tutto per deviare il cammino verso il proprio tornaconto personale perdendo di vista la rotta o via maestra.

Per risolvere il problema l'Anima si serve di uno strumento efficace che consiste nel "Karma". Il Karma, ossia, il ritorno di ogni effetto alla causa che lo ha generato, fa in modo, infatti, che la personalità non si discosti troppo dalla rotta animica e, nel suo procedere evolutivo, tracci una linea spezzata a zig zag incrociando la linea del destino ad ogni zigzagare. In questo modo la persona, pur facendo molta più fatica e percorrendo molta più strada, segue comunque la direzione dell'Anima. Via via che il Karma scioglie i nodi lo zigzagare si fa meno accentuato fino a sovrapporsi alla rotta ottimale.

Il fattore "K", ossia, il fattore Karma, è, dunque, determinante per comprendere ogni situazione, accadimento, evento che incrocia l'esistenza di ciascuna persona, poiché ha un riflesso su tutte le attività consce o inconsce e coinvolge tutti gli aspetti della vita di relazione. Esso è e fa la differenza per cui la stessa cura, ad esempio, non ha lo stesso effetto sui pazienti a cui viene somministrata, pur avendo i pazienti gli stessi sintomi ed uguale diagnosi. Il fattore "K" fa in modo che ognuno sia unico ed abbia un'unico percorso di vita che lo porti ad esperire unicamente ciò che per compito e destino costituisce la propria parte di collaborazione alla manifestazione del Piano della Vita Una.

A nulla vale cercare di sottrarsi  al fattore "K" poiché è ineludibile. E stolto sarebbe non tenerne conto ogni volta che si affermano verità assolute o presunte tali. Il Karma è al di sopra delle vicissitudini del mondo; a monte delle possibili scelte. Esso viene prima della motivazione che spinge la persona a pensare, sentire ed agire in una data direzione. Si potrebbe dire che qualifica lo stesso impulso motivante che sta dietro ogni decisione. Teniamolo nel giusto conto quando non riusciamo a darci una spiegazione plausubile di ciò che ci accade.

Contenuti: