Argomenti

Il percorso della Fratellanza

Pensiero del giorno: Collettività versus Fratellanza

“Collettivo” non significa fraterno, e una collettività non è ancora una fratellanza. Una collettività è un insieme di individui che possono anche non avere alcun legame tra loro. Una città, per esempio, è sicuramente una collettività, ma tutti gli abitanti che la compongono, si conoscono forse? Si apprezzano, si comprendono e lavorano coscientemente gli uni per gli altri con amore? No, i più vivono senza preoccuparsi dei legami che dovrebbero unirli, pertanto non formano ancora una fratellanza.
Una fratellanza è innanzitutto una collettività, certo, ma una collettività che possiede una coscienza allargata, luminosa. È una collettività i cui membri sono uniti fra loro, e non solo lavorano gli uni per gli altri, ma in più hanno come ideale quello di lavorare per il mondo intero. Una vera fratellanza è una collettività che possiede una coscienza universale.

Omraam Mikhael Aivanhov

Contenuti: 

Solstizio d'estate 2018

Alle ore 11:30 presso Fraternity meditation center via Afrodite 18 Licinella-Torre di Paestum SA.


Il Solstizio d'estate 2018 cade giovedì 21 giugno alle ore locali 12:07 in concomitanza con l'ingresso nel segno del Cancro.
Il proposito del Cancro è: "Costruisco una casa illuminata e vi risiedo".
Il segno del Cancro segna la fine dell’espansione della luce solare che aveva preso la massima spinta durante il segno precedente dei Gemelli.
Il Solstizio d’estate (la Porta degli uomini ) si trova proprio all’inizio dell’entrata del sole in questo segno e corrisponde al giorno più lungo contrapposto alla notte più corta dell’anno. Simbolicamente questo significa “limitazione” non si può andare oltre un dato punto. Ogni traiettoria ha il limite datogli dalla spinta dinamica che ha ricevuto. Nel sistema solare tutto sottostà alla legge del ciclo e del ritmo.

Contenuti: 

Pensiero della sera: Chimismo dei luminari

352 — Chi studia le proprietà chimiche dei luminari può parlare di segni fasti e nefasti. In realtà non può esistere fortuna o sfortuna per il mondo intero; è dunque vano pensare che un giorno nefasto possa far precipitare il mondo intero in uno stato di inerzia. Però, se le energie sono tese e grevi, è bene essere prudenti. Cautela e attenzione danno sempre i risultati migliori. Meglio essere circospetti in un giorno nefasto che distratti in un giorno felice. Il difettoso intendimento dell’astrologia ha causato molti mali. Ricordate che il chimismo dei luminari non esercita uguale influsso su tutto e su chiunque. Sui monti, sull’oceano e sotto terra le reazioni non possono essere identiche. La scienza che studia gli influssi dei luminari, sarà grande il giorno che verrà appresa senza pregiudizi.

Tratto da "Agni Yoga" - Fratellanza

Contenuti: 

Enunciati operativi

Illuminato governo dei Popoli
Equa distribuzione delle risorse
Saggio impiego delle tecnologie

Questi i tre enunciati su cui fonda FRATERNITY, il movimento che ha come scopo il progresso armonico della società. L'impegno è rivolto al graduale sviluppo delle coscienze verso la creazione della Fratellanza Umana animata dalla Buona Volontà e ispirata al Maggior Bene Comune.

Per raggiungere questo ambìto traguardo occorre fondere l'intento sociale con quello spirituale poichè non vi è sviluppo armonico dell'Umanità senza crescita interiore degli individui.

FRATERNITY riunisce sotto un unico intento coloro che sentono il bisogno di attivarsi per infondere "Amore" nell'organizzazione sociale, al di là della razza, ideologia o religione di appartenenza, mediante il retto movente, l'esatta parola e l'abile azione.

È compito del Movimento offrire strumenti che accrescano consapevolezza e senso civico e facilitino la cooperazione e l'equo scambio. Per questo scopo sono presenti, nel sito, Servizi gratuiti di pubblica utilità come: Corsi e Laboratori di crescita, Links utili per la qualità del vivere; attività come Campagne di impegno civile, Petizioni, Eventi, Segnalazioni di utilità sociale, strumenti di informazione come la Videoteca, l'Audioteca e la Biblioteca, oltre ad Articoli, Documenti e Newsletters relativi alla creatività in tutte le attività umane che tendono alla Fratellanza.
 

Strumenti

Gli strumenti che indichiamo per esercitare la capacità di scelta sono:

Petizione: cioè la formulazione di proprie petizioni o l'adesione alle petizioni che noi proponiamo assieme ad altri Movimenti d'opinione e Organizzazioni internazionali. Petizioni atte a promuovere il ribilanciamento di squilibri sociali e ambientali.

Ripetizione focalizzata: cioè la diffusione focalizzata di pensieri "seme" atti a promuovere nell'opinione pubblica le scelte e i cambiamenti necessari alla creazione di una società armonica.

Utilizzo responsabile: cioè la scelta e l'uso di quei prodotti e servizi che non sono frutto di speculazioni commerciali e tendono alla qualità del vivere.
 

Pensieri seme

  • La diversità è l'essenza della vita
  • Cinque sono le razze ma Una è l'Umanità
  • Il modello di perfezione dell'Umanità è il Cristo/Buddha
  • Amare è il vero scopo di ogni essere umano
  • La pace è una realizzazione interiore
  • La buona volontà è la base dei rapporti
  • Il dono è energia d'Amore che dà valore allo scambio
  • La creatività degli Uomini dà qualità alla Vita
  • Il potere è la forza del servire il Bene comune
  • La tecnologia unisce l'Uomo alla Natura
  • Le risorse del Pianeta sono dell'intera Umanità
  • L'energia solare è la migliore risorsa

Approfondisci il significato dei Pensieri seme

Se condividi questi principi puoi contribuire alla loro attuazione diffondendoli nella maniera più opportuna, in modo che si crei una rete di comunicazione fra tutti coloro che oggi, nel rispetto delle diversità, sono pronti ad operare responsabilmente per la realizzazione del Maggior Bene Comune.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Giusto uso del tempo e della forma

Noi siamo Anime che si incarnano, ciclo dopo ciclo, entro la superficie riflettente dello spazio-tempo pur essendo pura esseità senza tempo né spazio. Questa è la nostra condizione, il nostro compito ed anche la prigione da cui liberarci. Ci identifichiamo con la forma e il suo tempo, ma alla fine, dobbiamo sfuggire all’illusione del tempo poiché non è reale e nemmeno naturale per quanto possa sembrarlo dal punto di vista della persona. Dobbiamo imparare a fare il giusto uso sia del tempo che della forma se vogliamo avanzare verso la completa liberazione. Farne il giusto uso significa rendere la forma sempre più corrispondente all’idea o Archetipo Divino che la sostiene, in modo da rivelarne il Proposito attraverso la sua bellezza e perfezione. Il nostro compito nel servire il Piano Divino è, dunque, quello di saper gestire e plasmare il tempo e la forma secondo la nota dell’Amore che ordina il creato, così riprendendo il nostro legittimo posto nello schema del Grande Disegno evolutivo.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Sull'indulgenza

Anche se l’indulgenza è una qualità del cuore, ha in sé una buona parte di intelligenza. Soltanto la persona veramente intelligente può essere indulgente. Perché? Quando si capisce meglio che cos’è l’essere umano, quali sono i diversi fattori che costituiscono la sua natura profonda, l’influenza che le condizioni in cui vive e le difficoltà che incontra possono avere sul suo comportamento, non ci si può mostrare troppo severi nei suoi confronti anche se egli non sempre agisce correttamente. È giusto rimanere lucidi, perché una delle qualità dell’intelletto è proprio la lucidità, ma occorre essere anche più comprensivi.
Talvolta si è sorpresi dalla severità con cui alcune persone, di cui non si possono, tra l’altro, negare le qualità del cuore, si pronunciano sugli altri. Sono spietate. Ebbene, ciò avviene proprio perché mancano di intelligenza, la vera intelligenza, che consente una visione più ampia degli esseri e delle cose. Niente più della mancanza di indulgenza – che è una mancanza di comprensione – rivela una mancanza di intelligenza.

Omraam Mikhael Aivanhov

 

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Siamo responsabili degli effetti

Noi siamo responsabili degli effetti che provochiamo nell’ambiente. Quando siamo emissivi, cioè quando prendiamo l’iniziativa di comunicare qualche cosa a qualcuno, secondo una nostra intenzione, diventiamo causa di quella esternazione. Dato che ad ogni causa corrisponde un effetto, quell’effetto è sotto la nostra diretta responsabilità. L’effetto è la forma che assume quella determinata causa nel tempo e nello spazio.

Facciamo, dunque, attenzione all’effetto che produciamo sugli altri, poiché se non è quello desiderato, dobbiamo modificarlo andando a riconsiderare il movente originario che, evidentemente non era così chiaro e puro, altrimenti, l’effetto sarebbe stato quello voluto.

Se, ad esempio, vogliamo far ridere e invece facciamo piangere, significa che durante la comunicazione abbiamo perso l’intento motivante; oppure che, nostro malgrado, la motivazione inconscia era quella di far piangere. D'altro canto, il nostro intento comunicativo deve sempre tenere conto dell'interlocutore che abbiamo di fronte. Dobbiamo saper gestire la forma della comunicazione in modo che sortisca l'effetto desiderato. Dall’osservazione degli effetti che produciamo sugli altri possiamo ricavare le nostre vere motivazioni, e a nulla vale prendersela con l'altro. La responsabilità è solo nostra.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: Felicità e Gioia

La felicità è l’espressione sentimentale dell’appagamento del desiderio. L’apice della vetta, raggiunto il quale si discende velocemente verso la valle della tristezza agognando la felicità perduta. Così oscilla il pendolo della persona tra alti e bassi, picchi ed abissi.

Altro è la realizzazione della Gioia che è la manifestazione sentimentale del contatto interiore dell’Anima. A differenza del picco della felicità la Gioia è l’altopiano regolare e stabile della visione del Piano divino che illumina la mente e scalda il cuore.

Contenuti: 

Pensiero del giorno: L'Amore non ha motivazioni

L’Amore non ha motivazioni. Se amiamo per qualche motivo personale, in verità non amiamo. Comprendiamo come sia difficile per un’Anima incarnata in un essere umano amare veramente senza alcun buon motivo. Occorre un motivo per ogni cosa; per pensare in una determinata direzione o per sentire la diversità delle emozioni che ci colpiscono; ma per amare no. L’Amore non ha causa poiché è causa di tutta la manifestazione. L’Amore è primariamente energia di coesione che precipita in Armonia magnetica e Saggezza. Nella Sua frequenza bassa è amore personale; ma quando ci specchiamo nel suo riflesso oscuro, poiché anche l’Amore ha la sua controparte in ombra, allora gelosia, possesso e invidia prevalgono in noi. 
Amiamo, dunque, senza un perché, senza un bisogno o desiderio o senso. Amiamo e… basta.

Ispirato da un pensiero di J. Krishnamurti

Contenuti: 

Pagine

Abbonamento a RSS - Argomenti